3407460102

Preferibile WhatsApp come primo contatto

Cani guida: “utili” ma a quale costo?

 > Benessere, Educazione >  Cani guida: “utili” ma a quale costo?
0 Comments
labrador-retriever-al-lavoro-di-conduzione-in-strada-con-persona-non-vedente

I cani guida


Un servizio "utile" per l' umano ma a quale costo? Vi siete mai soffermati a riflettere sulle implicazioni che il processo addestrativo del cane guida ha sul cane stesso? E la vita che sarà obbligato a condurre sarà serena, soddisfacente e gratificante? Sarà un cane libero di fare il cane?

labrador miele cane guida con imbracatura

Il percorso del cane guida: una carriera imposta e il distacco come costante di vita

Si parte da una selezione estremamente rigida da parte degli allevamenti che sfornano cucciolate destinate al circuito dei cani guida. Si può optare poi per trattenere i cuccioli in allevamento ed effettuare direttamente l’ addestramento e cedere il cane al fruitore finale all’ età di circa 12 mesi oppure, cosa frequente, i cuccioli vengono dati in affido temporaneo ad una famiglia volontaria per 10/12 mesi, per poi iniziare l’ addestramento di circa 6 mesi. Se l’ addestramento viene terminato con “successo”, giunge l’ ora di approdare alla persona ipovedente.

Ricapitolando

Subiscono il primo distacco dalla madre che, anche se pratica normalizzata, tanto normale se ci pensate non è, e dai fratelli. Vengono dati poi a delle famiglie temporanee per 1 anno da cui poi dovranno staccarsi per iniziare il loro ferrato addestramento in loco con ricovero in box; dopo 6 mesi di lavoro/relazione con l’ addestratore, i cani si vedranno strappato via il nuovo punto di riferimento.

Il cane raggiungerà così il suo fruitore a cui dovrà badare fino alla pensione, forse. Forse, perché, come vedremo tra poco, i cani possono essere scartati e riconsegnati per i motivi più disparati: ma si, tanto mica sono creature senzienti con una intelligenza emotiva.

A volte la fortuna… 

Non tutti i cani soddisfanno i tantissimi e rigidi parametri richiesti, verranno quindi scartati ( non lo sanno, ma più culo di così non avrebbe potuto dirgli ) e potranno fare una vita normale. Questo può succedere sia durante l’ affido temporaneo sia durante l’ addestramento.

Ora, avete capito quanto sia destabilizzante la vita di questi cani da quando sono cuccioli?! Quanti distacchi devono subire per diventare delle “cose” che servono solo ed esclusivamente a noi?!

addestramento cani guida
foto di cani guida lions
box cani guida
foto di cani guida lions
foto di cani guida Lions

Cosa ci dicono gli studi scientifici effettuati?

Ho portato ad esempio alcuni degli studi fatti ( riferimenti a piè di pagina ) in questo ambito giusto per avere una visione più ampia. Studi scientifici o meno, ci sono dei dati di fatto che dovrebbero semplicemente richiedere buon senso, sensibilità e conoscenza della specie: il mondo non gira tutto intorno alle esigenze dell’ uomo.

Stress si stress no

E’ stato dimostrato che lo stress causato dal carico dell’ addestramento alza i livelli sierici di cortisolo  e  si riscontrano modifiche anche nei livelli sierici di NGF ( il fattore di crescita nervoso ) e Mg2+

Probabilmente la  causa dello stress è attribuibile all’ instabilità mentale, alla tensione emotiva e ai cambiamenti ambientali sperimentati durante la vita quotidiana. 

I cani guida sono chiamati a svolgere vari processi cognitivi come ignorare le distrazioni, mantenere uno stato di concentrazione costante, ricordare costantemente tutto quello che è stato fatto durante l’ addestramento, essere autonomo nelle decisioni anche a costo di ignorare il suo conduttore se rischia di mettersi in pericolo, avere una comunicazione non verbale bilaterale.

Il dato di fatto è che essere un cane guida è un lavoro H24, impegnativo ed estenuante ed è per questo che, probabilmente, si mantengono elevati livelli di cortisolo nel sangue.

Un altro studio prende in considerazione un gruppo di cani guida e uno di cani che vive come animali da compagnia ( reclutati nell’ addestramento e poi scartati per  ragioni  fisiche e/o comportamentali ): si evidenzia come i cani guida mostrano livelli di cortisolo salivare più alti rispetto ai cani da compagnia.

In generale quindi si dimostra che i livelli di cortisolo nei cani guida sono quasi il doppio rispetto ai cani che vivono come pet e che un addestramento precoce aumenta i livelli di cortisolo. I cani guida hanno orari, obblighi, limiti sociali, sono quotidianamente esposti a stimoli, attività e inibizioni, questo può suggerire un aumento dell’ attività dell’ asse ipotalamo-ipofisi-surrene come causa e come conseguenza della loro attività quotidiana. 

Durante ogni giornata della sua vita lavorativa, il cane guida deve mantenere alta la sua concentrazione mentale per ore, deve ignorare le “distrazioni” e prendere autonomamente decisioni; l’ aumento del cortisolo potrebbe essere dovuto proprio a queste elevate richieste emotive e cognitive necessarie dal suo lavoro, la natura impegnativa di questo ruolo contribuisce quindi all’ aumento dei livelli di stress osservati in questi cani.

“Sono necessarie ulteriori ricerche e indagini su strategie efficaci di gestione dello stress per i cani guida per mitigare il potenziale impatto negativo di livelli elevati di cortisolo prolungati e fornire un supporto e una cura adeguati e per garantire loro salute, felicità e capacità di svolgere il ruolo di guide per gli ipovedenti.”

La compatibilità e le restituzione. la bellezza di essere considerati come un ausilio inanimato senza emozioni

Studio interessante sulla partnership, le cause della restituzione del cane e via dicendo: andatevelo a leggere tutto, ci sono grafici molto interessanti che fanno venire l’ ulcera, riguardante le motivazioni frequenti per cui il cane viene sbolognato.

Non tutte le partnership con i cani guida hanno successo e le conseguenze di una “incompatibilità” possono essere gravi in termini di riduzione della mobilità e della qualità della vita per il conduttore e di tempo e risorse per gli istituti di addestramento dei cani guida. ( il cane manco preso in considerazione )

Questo studio ha esaminato le partnership di 50 persone con uno o più cani (118 accoppiamenti). Tutti i cani dello studio sono stati addestrati da scuole di cani guida membri dell’International Guide Dog Federation.

43 dei 118 cani sono stati restituiti all’istituto di addestramento per cani guida prima di raggiungere l’età pensionabile, la maggior parte per problemi legati ai cani. La maggior parte dei problemi di questi cani sono stati classificati come comportamentali, legati al lavoro e non, 14 erano dovuti a cause fisiche (principalmente cattive condizioni di salute). Anche negli abbinamenti di successo pochi conduttori affermavano di aver avuto un cane perfetto. ( Perfetto?! PERFETTO?! )

Lo studio conclude così “si spera che questi risultati possano aiutare l’industria dei cani guida a identificare aspetti importanti del processo di abbinamento e/o essere utilizzati per identificare le aree in cui esiste un problema di abbinamento”.

Ulteriori benefici impartiti alla persona che utilizza un cane guida includono amicizia, compagnia, aumento della funzione sociale e miglioramento dell’autostima e della fiducia. E io mi chiedo…ma i benefici per il cane?????

RIFLESSIONI SPASSIONATE: COSTO EMOTIVO, ETICO E SOCIALE 

Gli essere umani credono di avere il diritto di fare ciò che più gli piace, praticamente da sempre, con tutte le specie, ma qui concentriamoci sul cane.

Pensate al maltrattamento genetico compiuto sui brachicefali, sulle razze giganti o minuscole, alle disfunzioni cardiovascolari o articolari o anche alla pressione selettiva su alcune inclinazioni comportamentali che hanno portato in rovina alcune razze (come scrivevo tempo fa “maltrattamento, non solo botte”).

L’ uomo ha deciso che il cane, ma anche tutti gli altri animali del cosmo, avrebbero dovuto essere al suo fianco per trarne ogni possibile beneficio.

Il cane è diventato uno scarico emotivo e fisico

E’ diventato strumento per misurare la proprio virilità o la propria “cazzimma”, è diventato mezzo per non sentirsi soli e fare nuove amicizie, è diventato modo per gratificare il proprio ego con successi agonistici e potremmo andare avanti ancora molto con la lista.

L’ uomo ha così deciso che se avesse avuto qualche disabilità, avrebbe dovuto privare della propria vita un altro essere vivente: perché non prendere un cane, privarlo della sua identità, delle sue peculiarità di specie, della sua felicità, della sua vita, della sua socialità e metterlo al proprio servizio h24 7 su 7?! Ma che idea brillante!

Un argomento controverso

So che rischio di passare per una insensibile ma è giusto fare i conti con la realtà prendendo le distanze dal solito egocentrismo che contraddistingue la nostra specie e sfocia sempre nello sfruttamento e nel maltrattamento, spesso in modo sottile, camuffato.

Dalle foto di uno dei centri italiani di allevamento e addestramento dei cani guida che vi ho inserito sopra, potete vedere da soli di che povertà ambientale vivano quei cani. Subiscono una selezione genetica fortissima: cani creati per non avere eccessi di emozionalità, per non rispondere agli stimoli, per non interagire con cani e persone ( se non col proprio fruitore ).

Ho visto delle scene non molto carine sotto casa di un cane che portavo spesso a fare le passeggiate anni fa. Ogni volta che incrociavo questa donna ipovedente con la sua golden, cercavo di cambiare strada perché era veramente una stretta al cuore. Se il cane si occupa della persona, chi si occupa del cane? Ho visto questa persona che per caricare la golden in auto, le ha fatto picchiare il muso ripetutamente sul paraurti e si era anche molto infastidita che il cane non salisse. L’ ho vista incitarla a camminare quando arrancava, un po’ per l’ età, un po’ per il caldo estivo per le strade dell’ Eur.

E’ veramente giusto svuotare una creatura senziente con una intelligenza emotiva meravigliosa, con una socialità incredibile, nata per essere libera, unica e renderla un oggetto di qualcuno senza più una sua soggettività ed identità? E’ necessario? No.

Fonti

 

Evaluation of stress status using the stress map for guide dog candidates in the training stage using variations in the serum cortisol with nerve growth factor and magnesium ions Izumi Ando, Kaoru Karasawa, Takao Shioya, Hiroshi Matsuda, Akane Tanaka

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *